Il Parco del Conero

Elemento inconfondibile del paesaggio marchigiano con la sua caratteristica forma,

il Monte Conero, con la sua caratteristica forma, a picco sul mare,interrompe la quasi uniformità costiera dell’alto e medio adriatico e disegna chilometri di baie e scogliere irripetibili, incastonate tra il verde intenso della macchia mediterranea e l’azzurro del mare,il Monte Conero è un’autentica isola naturale conservatasi nel tempo.

Impossibile non subire il fascino di un ambiente collinare, intensamente agricolo a pochi passi dalle acque cristalline delle baie, incomparabile risultato di millenari intrecci tra la natura e l’uomo.

È attorno ad esso che sorge il Parco Regionale del Conero.

Istituito nel 1987 è un’oasi che si estende per 5800 ettari di area protetta, comprensiva di una riserva integrale ed una naturale, abbracciando quel tratto di costa nord che dal Passetto va al Trave, e prosegue con la baia di Portonovo, quindi il monte Conero e le colline interne, e giunge sino alla costa sud che va da Sirolo a Marcelli di Numana sino a terminare lungo la pianura del fiume Musone.

Per conoscere i tesori del parco esistono diversi percorsi escursionistici.

Sentieri che si snodano tra corbezzoli e ginestre, ombreggiati da lecci e pini.

L’alto valore paesaggistico e ambientale è dato dal susseguirsi alternato di: litorale roccioso, boschi, radure, prati, zone coltivate e piccole spiagge.

Qui dimorano le tante piante che costituiscono la macchia mediterranea.

Qui vivono numerose specie di uccelli, un vero paradiso per il birdwatching.

Da segnalare infine che la lunga presenza dell’uomo accertata a partire dalla preistoria, ha lasciato numerose testimonianze storiche, legate in particolar modo alla civiltà Picena (IX-III sec a.C.) i cui reperti si possono ammirare al museo Archeologico Nazionale di Ancona e all’Antiquarium di Numana.

La chiesa di Santa Maria di Portonovo e il monastero di San Pietro al Conero sono legati, invece alle comunità religiose insediatesi a partire dall’anno mille.

Un Parco voluto e difeso dalla gente e dalle istituzioni per garantire la conservazione di uno scampolo di natura incontaminata di rara bellezza.

Lascia un commento